IMG_5663_VIDEO
IMG_5663_VIDEO
IMG_5672_VIDEO
IMG_5672_VIDEO
IMG_5688a_VIDEO
IMG_5688a_VIDEO
IMG_5688b_VIDEO
IMG_5688b_VIDEO
IMG_5690_VIDEO
IMG_5690_VIDEO
IMG_5700_VIDEO
IMG_5700_VIDEO
IMG_5704_VIDEO
IMG_5704_VIDEO
IMG_5710_VIDEO
IMG_5710_VIDEO
IMG_5718_VIDEO
IMG_5718_VIDEO
IMG_5730_VIDEO
IMG_5730_VIDEO
IMG_5736_VIDEO
IMG_5736_VIDEO
IMG_5755_VIDEO
IMG_5755_VIDEO
IMG_5761_VIDEO
IMG_5761_VIDEO
IMG_5767_VIDEO
IMG_5767_VIDEO
IMG_5769_VIDEO
IMG_5769_VIDEO
IMG_5770_VIDEO
IMG_5770_VIDEO
IMG_5779_VIDEO
IMG_5779_VIDEO
IMG_5790_VIDEO
IMG_5790_VIDEO
IMG_5795_VIDEO
IMG_5795_VIDEO
IMG_5801_VIDEO
IMG_5801_VIDEO
IMG_5813_VIDEO
IMG_5813_VIDEO
IMG_5825_VIDEO
IMG_5825_VIDEO
IMG_5826_VIDEO
IMG_5826_VIDEO
IMG_5831_VIDEO
IMG_5831_VIDEO
IMG_5833-39_VIDEO
IMG_5833-39_VIDEO

San Giuseppe 2012

Nacque circa due secoli fa da una famiglia che sicuramente l'ha saputo scolpire nell'alma e il cuor, che di generazione in generazione ha sempre curato per pia devozione la realizzazione della festa in suo onore. Culto e tradizioni anno dopo anno.

E' la festa pi bella,calda e colorata. Pi bella perch riesce a richiamare tutte quelle persone sopratutto le pi povere, quelle che si avvicinano al termine con il quale lui veniva definito dai primi vangeli. "Tktn", una parola greca, che indicava tutte quelle persone che praticavano un mestiere umile come quello del falegname,del carpentiere. Calda e colorata sempre dalle fiamme dell' ardente "focra".
E' la prima festa delle feste per il nostro paese. La festa in onore del patrono dei padri di famiglia e della chiesa universale, San Giuseppe. Una festa che vive ancora oggi di quei gesti che sin dai primi anni si compivano fino al giorno del 19 marzo. Infatti ancora oggi, il comitato apre il programma dei festeggiamenti con la raccolta dell'olio nelle case dei cittadini,che una volta sostituiva l'offerta in denaro di oggi, sperando di tramandare comunque queste vive tradizioni alle nuove generazioni che verranno.
Il programma religioso invece come sempre ha previsto la novena predicata per tre giorni ciascuno da Don alessandro argentiero, don Giovanni Chiloiro e Padre Tonino Nisi che ha curato il panegirico della Santa Messa solenne nel giorno della festa.
Durante la novena, per le vie del paese la raccolta della legna con i trattori di tutti i volontari presenti fino ad arrivare alla vigilia con il grande fal in P.zza Giovanni XXIII come da anni avviene.
Dopo la Santa Messa della vigilia, una che i fedeli hanno raggiunto la piazza con una fiaccolata, con i fuochi pirotecnici dall'interno, e con le fiaccole simboliche del vice-sindaco e del parroco, si dato il via alle fiamme della sempre bella "focra". Nel piazzale,sempre presente ovviamente il gruppo anonimo '74 con la rassegna "Fal e colori" che cura come sempre il concorso a premi dei disegni di tutti i bimbi presenti.

Con una giornata quasi primaverile, per le vie del paese,il rinomato concerto bandistico di Montemesola ha annunciato il giorno della festa che ha visto le S.Messe programmate per le ore 7,9 e 10.30 celebrata dal nostro Don Luciano Matichecchia prima della processione con il simulacro per le vie del paese. Ventuno le "mattre" allestite quest'anno davanti alle case delle famiglie devote a San Giuseppe,che vorrei commentare alla fine di questo articolo con un piccolo commento
personale.
Bella e "musicata" come sempre quella dell'Istituto comprensivo,che con la canzone "Non basta un sorriso" di Povia e le parole del dirigente scolastico Guglielmo Matichecchia, ha voluto augurare una buona festa a tutti i pap e tutti coloro che portano il nome di Giuseppe.
Nel cielo di Montemarino, con uno spettacolo a ciel sereno fortunamente, tra scoppi e colori dei fuochi pirotecnici come sempre curati dalla premiata ditta B.Bruscella di Modugno, si chiusa la prima festa nel nostro paese,che ha visto una grandissima partecipazione di tutti i nostri concittadini e di tantissimi forestieri arrivati per le nostre tradizioni.
Infine come sovrascritto,permettetemi di fare un piccolo appello.
Facciamo in modo,tramite la parrocchia, il comitato, l'auser che ha curato l'arrivo di molti forestieri in paese per la festa, che le nostre tradizioni vengano scoperte anche per i loro scopi. Le "mattre" nascono per dare un tozzo di pane a chi non pu permetterselo. Sono nate per tutti quelli che nel giorno di San Giuseppe arrivano a Monteiasi, per elemosinare, per tutti quei mendicanti e quei poveri che non avevano da mangiare. Ora evidente che questo senso stato perso. Ridiamo significato a questo gesto curato dalle famiglie che si prodigano per la realizzazione. E' un obrobrio vedere chi magari una pensione o uno stipendio pu goderselo, portare nelle case piatti e piatti di pasta,frutti di mare, dolci ecc come se non pu permetterselo e magari possiede case,macchine, i phone ecc. Prendiamo spunto dalle tavolate dei bimbi della scuola, o di quelle famiglie all'angolo di via Paisiello che impacchettano per consegnare il tutto alla Caritas parrocchiale.

Ridiamo un senso alle mattre. (Gianluca F.)

Processione             Falo'

 

IMG_5657

IMG_5662

IMG_5664

IMG_5665

IMG_5667

IMG_5671

IMG_5673

IMG_5675

IMG_5676

IMG_5680

IMG_5685

IMG_5687

IMG_5693

IMG_5695

IMG_5696

IMG_5697

IMG_5699

IMG_5701

IMG_5707

IMG_5715

IMG_5716

IMG_5717

IMG_5719

IMG_5725

IMG_5729

IMG_5731

IMG_5733

IMG_5737

IMG_5747

IMG_5749

IMG_5753

IMG_5756

IMG_5760

IMG_5762

IMG_5764

IMG_5772

IMG_5775

IMG_5781

IMG_5784

IMG_5788

IMG_5791

IMG_5794

IMG_5796

IMG_5805

IMG_5808

IMG_5811

IMG_5812

IMG_5814

IMG_5816

IMG_5818

IMG_5820

IMG_5827

IMG_5832

IMG_5838